17 Luglio 2022 ~ 0 Commenti

Domande scottanti in farmacia

Senza categoria

Per farmacie come la nostra che fanno orario continuato di apertura è chiaro come l’afflusso della clientela cambi in base alla stagionalità e alla condizione climatica esterna: in queste giornate di caldo torrido, peggiorato dall’umidità tipica della nostra pianura, le ore roventi centrali della giornata ci vedono indaffarate in altre attività al di fuori del banco che resta quasi vuoto di clientela fino a metà pomeriggio. C’è chi sistema vetrine, chi le offerte, chi inizia il giro di scadenze, chi interrompe tutti con un “ci facciamo una tisana fredda?”.

Eppure in una di queste giornate caldissime un signore distinto di media età fa aprire la nostra porta scorrevole e mi fa dirigere al banco: “Prego” chiedo con garbo in attesa della sua richiesta.

Vengo investita, come se l’aria condizionata si fosse spenta improvvisamente, dalle sue parole accese pronunciate sventolandomi sotto il naso uno scontrino: “Adesso lei mi spiega perché lo stesso tampone qui l’ho pagato questa cifra e nell’altra farmacia mi hanno fatto questo sconto”. Resto muta per qualche decina di secondo, respiro e probabilmente nei miei occhi si legge tutto ciò che vorrei dire ma non dico.

A distanza di due anni in cui abbiamo tamponato decine e decine di persone anche negli orari più impensabili, venendo incontro a innumerevoli necessità di ognuno, in cui abbiamo tamponato profughi senza chiedere un centesimo a nessuno né titoli sui giornali, in cui abbiamo prenotato vaccini a centinaia di persone che non lo hanno fatto sul portale regionale perché in farmacia è più comodo, in cui abbiamo stampato gratuitamente non so quanti green pass, a distanza di due anni in cui abbiamo gestito emergenze, aiutato il sistema a non collassare, in cui abbiamo tenuto sempre la farmacia aperta come presidio di necessità primaria anche quando noi stesse eravamo allo stremo, ora devo sentirmi dire questo.

Respiro nuovamente e fiera del mio caduceo e della nostra farmacia, spiego con calma al nostro cliente che il mercato libero permette a chiunque di effettuare sconti e promozioni, che nella nostra farmacia probabilmente può trovare un altro prodotto scontato che nell’altro esercizio non troverà e che va tenuto conto anche della farmacia a cui si fa riferimento: quando si tratta di una catena di farmacie che ovviamente acquista per un numero elevato di esercizi commerciali in tutto il territorio nazionale la possibilità di scontistica di acquisto che il fornitore applicherà sarà sicuramente più alta rispetto a quella offerta a una farmacia che acquista solo per sé, come la nostra.

Il nostro cliente forse spiazzato dalla mia spiegazione mi suggerisce con leggerezza, probabilmente dettata da un’insolazione solare, la prossima volta di acquistare su Amazon i tamponi ad uso domiciliare per poter fare uno sconto più alto.

Sorrido, lo lascio borbottare ancora qualcosa che ho deciso di non ascoltare e penso a quanto non sia chiaro ancora cosa ci sia dietro a un prezzo di un prodotto che si acquista in farmacia. A quanto lavoro ci sia nel cercare quell’articolo magari introvabile e cercarlo a prezzi contenuti garantendo la qualità; a quanta professionalità di ognuno di noi ci sia dietro al consiglio, al suggerimento in più, alla semplice domanda “serve altro?” che non sottintende il voler vendere, ma il voler proporre un aiuto di prevenzione e benessere. Dietro a quel prezzo c’è un professionista che ha studiato, ha lavorato, ha deciso di farlo per essere parte del bene della comunità.

Provate ad acquistare su Amazon un tampone, chiederne le certificazioni, domandarne l’affidabilità, ottenere consigli su come utilizzarlo correttamente.

Se tutto ciò non interessa, acquistate pure da un portale: in farmacia troverete ben altro.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali