14 Maggio 2018 ~ 0 Commenti

LA FARINATA DI CECI: UNA RICETTA DI TRADIZIONE E SALUTE

Quando preparo la farinata di ceci mi ritrovo a far affiorare sempre lo stesso ricordo: un lontano pomeriggio assolato di primavera, terminata la lezione di farmacologia, con i piedi nudi nel giardino di Piazza dei Miracoli, a far merenda con la cecina, avvolta in una carta gialla, acquistata in un piccolo negozietto di un vicolo nascosto dalle folle di turisti. Gli anni universitari a Pisa, oltre a un bagaglio di studi e di vita inestimabile, sono riusciti a mettermi ai fornelli; in particolare, una cara compagna di studi mi insegnò l’arte della cecina pisana, una focaccia poco ricca di grassi, a base proteica, perfetta per ogni momento della giornata….c’è chi la degusta anche nella colazione salata!

I ceci, terza leguminosa per produzione mondiale dopo soia e fagiolo, sono stati importati dall’Asia e, attualmente, in Italia sono coltivati principalmente in Liguria, Toscana, Umbria e Puglia. I ceci sono fonti preziose di calcio, ferro, fosforo, potassio, vitamina A e del gruppo B e sono una ottima fonte proteica quando ci si riferisce al prodotto secco: quando i legumi subiscono la normale cottura, invece, la quota proteica al loro interno cala vertiginosamente fino ad arrivare a circa 4 g (in una porzione edibile di 100 g). Attenzione, dunque, alla libera associazione legumi-cereali integrali in quanto prende il volo la quota glucidica presente! Per questo spesso, mi capita di consigliare, quando si tratta di controllare il peso corporeo, di evitare gli eccessivi abbinamenti salutari, ma calorici come pasta fagioli o riso e piselli.

Vi consiglio di utilizzare principalmente i ceci in versione secca che conservano tutte le proprietà citate; lasciateli sempre in ammollo per circa 8 ore, cambiando l’acqua almeno una volta. Fateli cuocere in acqua bollente (dai 40 ai 60 minuti in base alla tipologia) con un pezzetto di alga kombu e qualche foglia di alloro per renderli più digeribili. La farina di ceci, infine, è molto utile nella cucina gluten free perché dona sapore, compattezza ed elasticità a farine meno amalgamabili come quella di riso o di grano saraceno.

INGREDIENTI per circa 8 persone Senza glutine/ Senza latte

200 g farina di ceci

450 ml acqua

Sale e rosmarino

Unite farina e acqua con gradualità affinché l’impasto resti liscio senza grumi, abbastanza liquido; terminare salando leggermente. Lasciate riposare l’impasto in frigorifero per 20 minuti circa e poi versatelo in un teglia grande (tipo quelle da pizza) leggermente oliata, facendo in modo che la farinata non risulti più alta di 2 cm; spolverate, infine, con il rosmarino. Mettete a cuocere a 220 °C per 30 minuti circa: resterà croccantina fuori e morbida dentro.

Ps: a volte in tavola, per un aperitivo, la accompagno a una salsina verde preparata frullando assieme 250 g pisellini surgelati (non quelli in scatola altrimenti si perde il colore brillante!), 60 g caprino fresco (o formaggio di riso integrale spalmabile), 10 g pinoli, 5 foglioline di menta fresca, 30-40 ml acqua tiepida e 3 cucchiai di olio evo toscano. Una goduria in tutta salute!

#nonchiamateladieta #lafarmacistaaifornelli

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali