12 Giugno 2021 ~ 0 Commenti

Un consiglio a tutto tondo

Senza categoria

Fare la farmacista al giorno d’oggi, con l’accesso semplice e veloce alle informazioni googlate, con i social dove sedicenti esperti millantano di saperne più del diavolo in tema di benessere e salute, fare la farmacista in questo tempo è diventato davvero un lavoro a 360°. Ciò significa che la nostra conoscenza deve essere necessariamente a tutto tondo, deve partire dalle basi farmacologiche che apprendiamo, per passare alla fitoterapia e alla nutraceutica, fino al wellness e alle regole nutrizionali più corrette.

L’esempio eclatante in questi giorni di primo caldo afoso arriva dalla richiesta di un consiglio che molti pazienti fanno in merito al gonfiore delle gambe, causato dall’insufficienza venosa: benché questo disturbo abbia una forte componente ereditaria, uno stile di vita salutare e scelte alimentari corrette sono indispensabili per garantire una corretta prevenzione e serve parlarne.

E’ bene fare un accenno veloce ma incisivo in merito allo stile di vita, che può migliorare notevolmente l’integrità delle vene: raramente l’insufficienza venosa, infatti, compare tra le persone normopeso che seguono, per abitudine, un’alimentazione ricca di fibre e povera di cibi raffinati.

Tra gli alimenti particolarmente indicati per aumentare l’integrità delle pareti venose spiccano senza dubbio le bacche ricche di flavonoidi come ciliegie, frutti di bosco, mirtilli neri, more, ribes nero. Questi frutti e altri prodotti vegetali, come grano saraceno, vino rosso, menta piperita, sono ricchissimi di antocianidine, bioflavonoidi in grado di aumentare la resistenza dei piccoli vasi, contrastare la permeabilità capillare e ridurre le infiammazioni a carico del tessuto connettivo. Per l’integrità del tessuto connettivo e per la componente muscolare delle pareti venose, è, inoltre, fondamentale prendersi cura del proprio fegato evitando un consumo eccessivo di solanacee (pomodori, peperoni, melanzane) e di grassi saturi contenuti in cibi di derivazione animale (carni rosse, salumi e affettati, latticini grassi), ai quali, invece, vanno preferiti i grassi insaturi contenuti nel pesce, negli oli spremuti a freddo e nei semi oleosi.

Nonostante non nasciamo personal trainer (ma nemmeno ambiamo ad esserlo, a ognuno il proprio ruolo!), è inoltre importante saper porre l’attenzione sull’attività fisica che, per chi soffre di problematiche al microcircolo, è fondamentale non trascurare, evitando così lo stazionamento per lungo tempo e la sedentarietà. In particolare, la camminata, la pedalata in bicicletta, il jogging e il nuoto risultano utili per la contrazione dei muscoli del polpaccio che spinge il sangue accumulato in circolo; la respirazione profonda, inoltre, grazie al movimento aspirante del diaframma, facilita il ritorno del sangue ed evita i ristagni.

Infine, ultimo consiglio, ma non per importanza è quello riguardante l’utilizzo delle calze a compressione graduata utilissime per ridurre edemi e dolori soprattutto in stagione estiva: è indispensabile, anche in questo caso, conoscere e sapere consigliare il filato più adeguato alla paziente, giocando sulla complicità del fatto di averle già provate. Tutto ciò che testiamo, ovviamente, ci garantirà di essere più veritieri e di aiuto!

Di tutto questo, in qualità di farmacista, bisogna approfondire, imparare e parlarne! Ne gioverà il paziente perché gli starete regalando un consiglio professionale completo, dal risultato rassicurante e attendibile, e ne gioveremo noi, professionisti della salute, ripagati con una fidelizzazione duratura.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali